Classifica libri DICEMBRE 2020 e ANNO SOLARE 2020 #clubcultura #clubclassifica

Clubbers e amici biblofili,

seguiamo la classifica dei libri più letti in questo periodo di Dicembre 2020:

1Perché l’Italia amò Mussolini (e come è sopravvissuta alla dittatura del virus)Bruno VespaMondadori20,00
2Cambiare l’acqua ai fioriValérie PerrinE/O18,00
3C’era una volta adessoMassimo GramelliniLonganesi16,90
4Insieme in cucina. Divertirsi in cucina con le ricette di «Fatto in casa da Benedetta»Benedetta RossiMondadori Electa19,90
5Io sono l’abissoDonato CarrisiLonganesi22,00
6A riveder le stelle. Dante, il poeta che inventò l’ItaliaAldo CazzulloMondadori18,00
7Fu sera e fu mattinaKen FollettMondadori27,00
8L’ultimo giorno di Roma. Viaggio nella città di Nerone poco prima del grande incendio. La trilogia di Nerone. Vol. 1Alberto AngelaHarperCollins Italia18,50
9Donne dell’anima miaIsabel AllendeFeltrinelli15,00
10Una terra promessaBarack ObamaGarzanti28,00

Questa è la classifica libri più venduti nelle librerie italiane è tratta dal sito IBUK: https://www.ibuk.it/irj/portal/anonymous/notizie_classifiche_settimanali

Qui di seguito invece la classifica dei libri per l’intero anno solare 2020:

1RiccardinoAndrea CamilleriSellerio15,00
2Cambiare l’acqua ai fioriValérie PerrinE/O18,00
3L’enigma della camera 622Joel DickerLa nave di Teseo22,00
4Il colibrì (vincitore premio strega 2020)Sandro VeronesiLa nave di Teseo20,00
5Le storie del MisteroLyon GamerSalani15,90
6Fu sera e fu mattinaKen FollettMondadori27,00
7I leoni di SiciliaStefania AuciNord18,00
8Ah l’amore, l’amoreAntonio ManziniSellerio15,00
9Come un respiroFerzan OzpetekMondadori17,00
10La misura del tempoGianrico CarofiglioEinaudi18,00

Infine la classifica dei Saggi più letti nel 2020:

1A riveder le stelle. Dante il Poeta che inventò l’Italia.Aldo CazzulloMondadori18,00
2Della gentilezza e del coraggioGianrico CarofiglioFeltrinelli14,00
3HelgolandCarlo RovelliAdelphi15,00
4DanteAlessandro BarberoLaterza20,00
5Perché l’Italia amò Mussolini (e come è sopravvissuta alla dittatura del virus)Bruno VespaMondadori20,00
6Una terra promessaBarak ObamaGarzanti28,00
7GridaloRoberto SavianoBompiani22,00
8Donne dell’anima miaIsabel AllendeFeltrinelli15,00
9I cazzari del virusAndrea ScanziPaperfirst12,00
10Quello che non ti diconoMario CalabresiMondadori18,00
11L’ultimo giorno di Roma.Alberto AngelaHarper Collins18,50
12Il maestro di AuschwitzOtto B. KrausNewton & Compton9,90
13Oriente e OccidenteFederico RampiniEinaudi17,00
14Questa è l’AmericaFrancesco CostaMondadori18,00
15Io sono il potereAnonimoFeltrinelli18,00
16La memoria rende liberiEnrico Mentana – Liliana SegreRizzoli15,90
17I mostri. Come sconfiggerliCarlo CalendaFeltrinelli15,00
18Fratelli TuttiPapa FrancescoSan Paolo2,90
19Il coraggio e la pauraVito MancusoGarzanti12,00
20La linea del 20.Camillo BortolatoEricksonn14,80

Classifiche libri dell’anno 2020 tratte da: la Lettura, pagine 32 – 33, de Il Corriere della sera, 28 dicembre 2020.


Come di consueto la nostra Maria Alessia ci dà qualche consiglio per le letture di gennaio 2021per inaugurare il nuovo anno!

 “Supereroi. Servono i superpoteri per amarsi tutta una vita” di Paolo Genovese. Einaudi.

Un libro intenso, scritto bene e che scalfisce il lettore. Siamo nella vita di Anna e Marco. Lei disegnatrice di fumetti e lui professore di Fisica all’Università. Si conoscono sotto la pioggia e la pioggia farà da sfondo alla loro relazione. Il libro, tra un salto temporale e un altro, racconta la loro relazione, complicata, lunga vent’anni. Anna, figlia di un’attrice teatrale, non ha mai conosciuto il padre e non ha mai avuto una famiglia classica. Marco ha perso i genitori per un incidente domestico all’età di quattordici anni. Anna ha un carattere estremamente istintivo che la fa giocare in difesa e Marco ha un carattere estremamente matematico e scientifico. Si rincorreranno tra parole non dette, affetto, amore e dedizione. Una narrazione, voluta dallo scrittore, con lassi temporali avanti di anni che poi tornano indietro e rivanno in avanti. Mi piacerebbe rileggere il libro rimettendo i capitoli in ordine cronologico: chissà se ha lo stesso effetto! Paolo Genovese sa descrivere in maniera netta, come la matita della protagonista che disegna su un foglio bianco, le emozioni dei due giovani poi diventati adulti. Le contraddizioni, le paure, i silenzi, le parole non dette, i vecchi amori… Il finale è struggente, ammetto di aver pianto. In questo libro ci sono scelte fatte di “pancia”: con una svolta finale che cambierà profondamente i due protagonisti. Quello che appare in superficie, nelle parole dello scrittore e regista, è sicuramente una grande malinconia di fondo. Anna e Marco si amano, vivono le emozioni perché nel tepore del loro incontro si fondono due solitudini. Gli anni passano tra consuetudini e verità non dette. Sicuramente in questa storia mancano la preghiera e la fede. Tutto e’ vissuto secondo un binocolo fatto dalle scelte dei protagonisti che non si interrogano nel profondo. La storia è descritta nel presente e il passato è un abisso dal quale emergere, ma nel quale si può anche sprofondare. Il futuro è un’incognita alla quale è meglio non pensare. Marco, da matematico, non crede nell’esistenza del futuro e Anna fugge da ogni forma di programmazione: perché programmare vuol dire mettersi in gioco e donarsi. L’unico linguaggio che lei conosce benissimo e’ il disegno, sono i suoi fumetti nei quali mette la sua vita. Non conosce l’amore nessuno glielo ha mai insegnato. Ma la resa dei conti è in arrivo e porterà un solco da attraversare a qualunque costo. Genovese afferma che in fondo i “supereroi” sono quelli che si amano per sempre, io credo che per amarsi per sempre serva solo “affidarsi” a Dio: e’ Lui il Signore della Storia. Siamo felici solo quando ci doniamo completamente e facciamo le cose con gratuità. Concludo con le parole della Serva di Dio Chiara Corbella Petrillo, scritte sulla sua lapide al Cimitero del Verano a Roma: “L’importante nella vita non è fare qualcosa, ma nascere e lasciarsi amare”.  Un libro che colpisce proprio nel suo modo di parlare al lettore. Un romanzo che non lascia indifferenti. Da leggere! Voto 4,5 su 5.

“Il quaderno dell’amore perduto” di Valérie Perrin. Editrice Nord.

Dopo aver letto “Cambiare l’acqua ai fiori”, mi sono immersa nel precedente romanzo della scrittrice. È il suo romanzo d’esordio e la Perrin utilizza lo stesso modo di scrittura. La protagonista, questa volta, è Justine, una ragazza giovane che ha perso la sua famiglia per un tragico incidente stradale e vive con suo cugino Jules, orfano anch’egli, e i suoi nonni. Sono figli di due gemelli che, con le loro madri, hanno perso la vita nella stessa auto. Vivono in un paese piccolo al centro della Francia, Milly. Justine lavora come operatrice al residence per anziani “Le Ortensie” e ascolta queste persone sole, la cui storia la arricchisce. Conosce Hélène e la donna, con il suo gabbiano, le racconta la sua vita. Justine compra un quaderno azzurro e comincia a scrivere. La storia è narrata tra presente e passato che si fondono insieme. La guerra, la ricostruzione, un amore che non lascia indifferenti. Il quaderno sta finendo così come la vita di Hélène. Justine dovrà fare i conti con il suo passato e, soprattutto, con la morte dei suoi genitori. È una storia nelle storie, la vita di Justine, la vita del Residence si fondono con il passato e coinvolge il lettore in maniera totale. Non si può fare altro che andare avanti. Il dolore di Justine e’ molto simile a quello di Violette, protagonista di “Cambiare l’acqua ai fiori”, entrambe conoscono il senso di vuoto dovuto a una tragedia. È in quel vuoto che vanno avanti perché sanno donarsi. Un romanzo appassionante che sale di intensità, andando avanti con le pagine fino a travolgerti completamente. Hélène e Justine infiammano il cuore del lettore perché lasciano un segno e, quando le si vorrebbe abbandonare, non si può più farlo perché la loro vita difficile si mostra dietro un viso delicato e un corpo fragile che nascondono una forza incredibile. Bellissimo. Da leggere! Voto 4,5 su 5.

“Fiori per i Bastardi di Pizzofalcone” di Maurizio De Giovanni. Einaudi.

Ho iniziato tanti anni fa a leggere questa saga e ogni volta e’ sempre un’emozione. I poliziotti del Commissariato di Pizzofalcone sono cresciuti, maturati e, in questo romanzo, devo ammettere che ho ritrovato il De Giovanni che adoro. Pizzofalcone è un quartiere di Napoli dove si trova questo posto di Polizia in cui negli anni sono stati confinati poliziotti con un passato burrascoso o con un carattere difficile e problematico. L’aria che aleggia e’ sempre quella di una prossima chiusura e, a ogni nuova indagine, occorre confermare sempre di essere capaci e all’altezza, nonostante i risultati ottenuti. È come se il marchio di “Bastardi” non riescano a toglierselo da dosso, quasi fosse stato inciso sulla pelle con il fuoco. Un’indagine particolare. Viene ucciso il fioraio del quartiere e le piste sono molte da seguire, non amena quella del racket e dell’antimafia. Mi sono sempre piaciuti i “Bastardi” e anche questo romanzo mi ha coinvolto. I personaggi, che ormai abbiamo imparato a conoscere anche grazie alla serie TV su RaiUno, sono ben marcati e definiti e, come sempre, dovranno fare scelte importanti. La scrittura di De Giovanni e’ al contempo delicata, poetica e descrive le note emotive come i fiori che fanno da sfondo alla storia. De Giovanni e’ una garanzia e con questa narrazione conferma le sue doti di scrittore. Un libro consigliato sia per gli amanti della “saga” che per chi non li conosce. Non svelo nulla sul finale che e’ davvero magistrale. Il libro scorre veloce e coinvolge completamente il lettore con una Prosa perfetta fino alla fine. Nei gialli di De Giovanni non e’ tanto importante scoprire il colpevole, quanto stare accanto ai protagonisti. Un romanzo corale dove ogni tassello e’ importante. Da leggere! Voto 4,5 su 5.

Maria Alessia Del Vescovo & Fra Gabriele Giordano M. Scardocci OP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: