Fedez – Don Ravagnani. Uno scambio sullo scandalo dei piccoli. #clublunedì

Insomma: niente di nuovo sotto il sole. Gli studi recenti del sito UCCR circa il decremento dei casi di pedofilia nella Chiesa statunitense devono essere sfuggiti a Fedez e alla compagnia “cantante” contro i preti[1].

Evidentemente lo 0.8 di sacerdoti condannati per effettivi reati di pedofilia è ancora una enormità[2],) ed è ovviamente un compito di ciascun sacerdote, laico, vescovo fino a Papa Francesco far sì che questo abominio non si ripeta e sia estirpato. Lo chiarifico, perché facilmente poi si arriva a farmi dire cose che non penso: la pedofilia è un male, ancora peggio se praticata da un ministro di Dio. Da qui a dire che il Vaticano sia una multinazionale di pedofili, dati i numeri descritti, è totalmente falso.

In ogni caso, il primo ad aver fatto il possibile contro la pedofilia è stato proprio San Giovanni Paolo II, e anzi come mostrato da un recente articolo[3]  si legge la totale estraneità di papa Wojitila alla questione Maciel Degollado, fondatore pedofilo dei Legionari di Cristo.

Insomma, quello che a me sembra, a partire dalle parole di Fedez e compagnia “cantante”, cari clubbers, è che subito ci si indigna se un terribile atto di pedofilia è praticato da un prete, e anzi si dà subito notizia ai giornali di questo; mentre con molta meno attenzione, fino a passare sotto silenzio, si condanni se questi atti vengano perpetuati da laici o persone comunque non consacrate. Condivido a pieno le parole di Don Fortunato Di Noto:

“ La gente che vede gli abusi solo nella Chiesa cattolica o è malinformata o completamente ignorante e mi permetto di dire che la Chiesa cattolica non è una azienda multinazionale che produce pedofili. Ovviamente alle vere vittime va sempre l’attenzione e vanno difese. Strumentalizzare la pedofilia per colpire la Chiesa è una cosa vergognosa e disgustosa. Pubblicizzare solo i singoli casi degli abusi, guarda caso solo da parte dei sacerdoti, quando solo in Europa ci sono 18 milioni di minori abusati da parte di milioni di pedofili predatori. Questo vuol dire che ci sono milioni di abusatori, di cui i sacerdoti sono una minima frazione dell’1% anche è grave, perché un solo abusatore indigna.”

Don Fortunato Di Noto

Ovviamente anche io, come Don Alberto, sono pronto a dialogare con chi non condivide questa mia idea; l’unica delicatezza che chiedo è che, se davvero il mio interlocutore crede che la Santa Sede abbia un numero più elevato di pedofili e che anzi li favorisca, porti prove e testimoni fondati. Le semplici idee, per quanto degne di attenzione e di rispetto, da sole, non aiutano l’approfondimento di un tema così delicato, che non può essere trattato ancora oggi nel 2020 con la superficialità e la volgarità che non merita e con le quali, purtroppo, da sempre, specialmente dai media è stato investito.

Fr Gabriele Giordano M. Scardocci OP

Gesù dolce, Gesù amore


[1] si veda https: https://www.uccronline.it/2018/09/06/chiesa-e-abusi-sessuali-drasticamente-diminuiti-negli-ultimi-anni/

[2] https://www.uccronline.it/2014/05/13/quanti-sono-i-preti-pedofili-lo-08-in-dieci-anni/

[3] https://www.ilgiornale.it/news/pedofilia-lettera-scagiona-wojtyla.html


[1] https://www.uccronline.it/2014/05/13/quanti-sono-i-preti-pedofili-lo-08-in-dieci-anni/

Pagine: 1 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: