Briciole di Assoluto.

Dal vangelo secondo Matteo,

15, 27 “È vero, Signore”, disse la donna, “ma anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni”. 28 Allora Gesù le replicò: “Donna, davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri”.

 

Correva l’anno 2001 e in una estate calda più o meno come questa, tutti noi adolescenti pensavamo ai nostri desideri, ai sogni da realizzare dall’immediato fino al futuro più immediato. In quel periodo, nelle radio, il tormentone era la canzone Drops of Jupiter (Gocce di Giove) del gruppo americano i Train. Quel brano esprimeva un po’ quel desiderio di noi giovani. Domandavamo al mondo e alla società di allora donarci cose grandi. In quella canzone tutti insieme cantavamo:

Dimmi il vento ti ha fatto perdere l’equilibrio?/ Sei finalmente riuscita a ballare con la luce del giorno e ritornare verso la Via Lattea?/ E dimmi Venere ti ha fatto perdere la testa? / Era tutto quello che volevi trovare?/

 (Did the wind sweep you off your feet?/ Did you finally get the chance to dance along the light of day/ And head back to the Milky Way?/ And tell me, did Venus blow your mind?/ Was it everything you wanted to find?)

 

giove - briciole di assoluto.jpg

Il pianeta Giove.

 

Queste domande sembravano chiederci se quello che desideravamo fosse davvero la cosa più giusta.

Il Signore ci dà un’ottima testimonianza di qualcuno che sa chiedere con fede, sapendo a chi ha affidato i propri desideri.

Nel brano di apertura, la donna cananea è sollecitata da Gesù che almeno inizialmente sembra non curarsi di lei. Penso che all’inizio Gesù voglia semplicemente trovare un modo per risvegliare la fede nella donna.

È un monito anche per noi, a non addormentarci ed acquietarci nelle nostre credenze, vere e sante, ma magari un po’ abitudinarie. Oppure esse sono un modo per accontentarsi e non progredire nella vita spirituale.

La cananea, solo allora, comincia a mendicare un po’ di attenzione in più: ora il Signore sa bene che si è acceso un desiderio più forte. La donna sa bene infatti che può chiedere cose grandi, come la guarigione della figlia, e cose piccole, le briciole.

La donna di Canaan sa che può racimolare briciole di Assoluto. Sa affidarsi ad una Provvidenza che supera le sue stesse aspettative. Questa fede nella Provvidenza è ciò che tutti quanto dovremmo saper rinvigorire e approfondire.

Insegna il Catechismo della Chiesa Cattolica:

303 La testimonianza della Scrittura è unanime: la sollecitudine della divina Provvidenza è concreta e immediata; essa si prende cura di tutto, dalle più piccole cose fino ai grandi eventi del mondo e della storia.

Probabilmente non abbiamo mai imparato a chiedere il Signore in modo vero e autentico. Come se a Dio non si potesse chiedere che le piccole cose. Come se a Dio fosse inopportuno chiedere il necessario.  Davvero dovremmo imparare a chiedere innanzitutto Lui stesso, cioè di esaudirci nel desiderio di Assoluto.

Il Signore ci aiuti a diventare mendicanti della Sua Provvidenza Smisurata.

Fr Gabriele Giordano M. Scardocci OP

Gesù dolce, Gesù amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: